Come sono cambiati gli abiti da sposa in cento anni, dal 1915 al 2015 video

Intelligente e curioso il seguente video che, in poco più di tre minuti, riesce a condensare ben 100 anni di moda bridal.

Partendo dal 1915, infatti, il time-lapse permette di ammirare come sono cambiati gli abiti da sposa fino ad arrivare all’odierno 2015.

Non solo, comunque, vestiti da sposa, in quanto il video offre una panoramica accattivante anche su quello che concerne pettinature, trucco, stili e così via.

Dai tessuti elaborati e dai colli alti in pizzo del 1915 (in cui il bouquet importante è l’accessorio cardine) si va alla tendenza “flapper” degli anni Ruggenti (1925), con abiti bianchi più corti (alla caviglia) ed impreziositi di perle, oltre ad acconciature corte a caschetto che sostituiscono le pettinature raccolte del decennio precedente; il make up si fa più leggero, lasciando il ruolo da protagonista a labbra rosso vermiglio..

Dagli Anni Trenta agli Anni Cinquanta, la moda bridal è influenzata dai tempi difficili della Seconda Guerra Mondiale e del conseguente Dopoguerra: protagoniste forme minimal e sobrie, pizzo in auge e strascico lungo; nel 1945, il vestito da sposa ritorna ad un pomposità costruita, ma elegante, abbinato ad un trucco sposa più strong sui toni scuri del bordeaux.

Gli Anni Cinquanta vedono rifiorire la speranza, con gonne più corte, a ruota e dai volumi importanti, uno stile più romantico e più giovanile dei precedenti, con accessori di piccole dimensioni (bouquet compreso) e make up più estroso, dalle sfumature rosa fucsia.

Tutto questo accompagna la sposa fino agli anni Sessanta, da dove l’incipit hippie prende sempre più piede, arrivando alla sua forma più evoluta e conosciuta nel decennio ’70-’80.

Con le sperimentazioni degli Anni Ottanta (si ricordi il look nuziale iconico di “Like a Virgin” di Madonna) e Novanta, quindi, si arriva di gran lena ai giorni nostri ed ad uno stile che ben si riconosce in un mood tipico delle principesse moderne.

Buona visione.

Richiedi appuntamento