Una nuova collezione 2016 firmata Atelier Emé : sono il nuovo marchio e nome di Aimée ?

La linea giovane di Aimée prende il nome di Emé di Emé: in effetti, è di questi giorni la notizia di una nuova collezione 2016 firmata Atelier Emé.

Sono poche le informazioni in questione che girano, ma sembra che, in merito alla nuova proprietà, il brand Atelier Aimée si sia semplificato ed abbia preso il nome di Atelier Emé.

Insomma, tira aria di rinnovo presso la storica maison: mantenendo invariati l’elevata qualità e la scrupolosa lavorazione artigianale, Aimée punta anche su un concetto nuziale più eterogeneo, che si può riassumere in “nuova sposa”.

In effetti, il neonato Atelier Emé propone una collezione 2016 dall’anima diversificata, che parte dall’intramontabile ideale romantico e gioca con accenti shabby chic, trasparenze seducenti e delicati modelli in corto in stile Audrey, senza dimenticare un’introspezione rock, dettata da giacche ed ecopelle.

Atelier Emé offre una visione completa ed artistica della moda bridal ventura, che si impegna ad avverare anche i desideri più reconditi delle spose, senza esimersi dal suo mood ricercato e pieno di charme…

E non solo in bianco ed avorio, ma anche in black and white, binomio stilistico molto elogiato in casa Aimée.

Ora, resta solo da capire se Atelier Emé sia il nuovo nome del suddetto Aimée (in una sorta di rinascita dopo la vendita e l’assimilazione al Gruppo Calzedonia) oppure si identifichi come una nuova linea dell’esclusivo marchio bridal….

Un romantico e principesco esempio di ball gown per l’abito da sposa Emé di Emé 2015

Un ball gown da manuale per la collezione 2015 Emé di Emé: ampio, romantico, elegante ed affabilmente femminile, un abito da sposa ideale e sognante per la linea giovane ed innovativa di Aimée.

Ecco un delizioso corpetto bustier, sagomato e dal seducente scollo a cuore, aprirsi, poi, su una voluminosa gonna, simbolo distintivo del modello a principessa, così come del vestito da ballo.

Il bustino è delicatamente essenziale ed intrigante, mentre la gonna si fa importante negli abili drappeggi e sovrapposizione di tessuto pregiato, creando un accattivante effetto di morbidezza, quasi fosse soffice nuvola di panna montata.

Una poetica stratificazione che trova continuità anche sul retro dell’abito, dove la profonda scollatura posteriore del corpetto riporta il trend del momento, ossia lasciando sensualmente esposta la schiena.

L’abito da sposa Emé di Emé 2015 è un un principesco esempio di ball gown, la cui romantica essenza viene apertamente sottolineata da delicate applicazioni floreali (rose, i cui petali sono di un tenue pastello rosato…), poste al punto vita, davanti e dietro, e che fanno graziosamente capolino tra le morbide pieghe della gonna.

Un perfetto e raffinato tocco di colore che punteggia la candida distesa eburnea di tessuto scintillante, per una sposa principessa e regina del suo giorno più bello….

Eme di Eme collezione 2015 abito sposa ball gown Eme di Eme collezione 2015 abito sposa ball gown1

Il video del backstage della nuova collezione 2015 Atelier Aimée : un romantico preludio tutto da gustarsi

Un backstage intenso e romantico per la nuova collezione 2015 Atelier Aimée: un set importante allestito e diretto dal famoso fotografo Aldo Fallai con la presenza della stilista Lucia Zanotti Kissing e la redazione di Vogue Sposa.

Ball gown principeschi, linee preziose, geometrie sensuali, eburnee entità nuziali e tocchi preziosi di colore, nonché black e white da favola: una collezione in cui c’è solo l’imbarazzo della scelta….

http://youtu.be/zsSrfEwN4vg

 

Vieni a provarli nei nostri atelier Look Sposa

L’intimo fascino del pizzo tra moderno e retrò per la collezione Emé di Emé 2015

Una sontuosa lavorazione mesh per i nuovi abiti da sposa Emé di Emé 2015: il pizzo declinato in impieghi voluttuosi ed accattivanti per la collezione giovane di Aimée.

Giocando magistralmente con le lunghezze, questi abiti da sposa sono realizzati per ammaliare con la versatilità elegante del pizzo.

Sia che si tratti di principeschi tagli ball gown ed a sirena sia che si discorra di modelli corti o midi tanto bon ton, l’elaborazione sartoriale del pizzo è a dir poco affascinante.

La preziosa seduzione del tessuto è ideale per deliziarsi con trasparenze ammalianti, a partire dalle romantiche velature di un corpetto e delle sue scollature, sia del decollete che della schiena, fino ad una concezione più moderna riguardante la versione dilettevole di una gonna.

Baloccandosi tra un vedo e non vedo ad hoc, la gonna in pizzo, sia al ginocchio sia alla caviglia, riecheggia la sua classe contrapponendosi intrigante ad un corpino-body originale, perfetto connubio di un mood attuale con uno esclusivamente vintage.

La visione più classica del pizzo è idealmente bilanciata da queste incursioni curiose e sopraffine, mentre il richiamo floreale, punto forte delle passate collezioni, ritorna con un raffinata essenza di accessorio, sia per capelli sia come cintura.

Emé di Emé 2015 riesce a trarre il massimo vantaggio dalla bellezza pregiata del pizzo, ricamato ad arte a creare una sorta di sensuale allusione, romantica seduzione dall’animo velato…

Eme di Eme 2015 pizzo Eme di Eme 2015 pizzo1

Un po’ di colore per l’incantesimo bridal firmato Atelier Aimée

Le collezioni bridal del 2015 sono un delicato susseguirsi di eburnee sfumature, relegando il colore, sia in tonalità soft che strong, in una partizione piuttosto singolare, rispetto all’impiego esclusivo che tanto questo 2014 ci ha illustrato.

E qui si sontraddistingue lo stile indiscusso di Atelier Aimée che, dal tiffany della collezione d’avanguardia di quest’anno, ha deciso di mantenere e rincorrere ancora il suo plus cromatico.

Dalla classe senza tempo del bianco e nero, in un giocoso contrapporsi di totally white ed totally black, si passa all’elegante declinazione di tenere tonalità di rosa oppure a spezzati colorati più incisivi e determinanti per particoleggiare ogni singolo abito da sposa.

Il rosa è ideale per un declinare e rendere reale un sogno romantico, soprattutto se abbinato alla leggiadra parvenza del tulle e per caratterizzare l’ampiamente voluttuosa gonna di un abito da principessa (per non parlare del corpetto bustier sui toni dello champagne…).

Atelier Aimée, inoltre, riscopre il colore in quanto fantasia, come dimostrano i dettagli floreali di un altro meraviglioso modello ball gown, fatto di sovrapposizioni ed asimmetrie intriganti, perfetto per un grazioso fluttuare ed un grande fiocco cintura.

Ma il colore può definirsi come quello charme in più che caratterizza il candore elegante di un capo nuziale…e per Atelier Aimée basta un tenero bocciolo, un incantevole ricamo od una seducente applicazione, anche se minuta, a rendere splendido ogni abito da sposa in bianco.

Poesia e romanticismo per la collezione 2015 For You by Aimée

For You 2015 è una delle nuove e graziose collezioni bridal firmate Aimée e che va ad aggiungersi alla linea per antonomasia Atelier Aimée ed all’assortimento fresco e sbarazzino di Emé di Emé.

For You by Aimée si dimostra accattivante e raffinata nel suo stile classico e romantico: ball gown, mermaid dress e modelli A-line di squisita fattura pronti a cogliere tutta la dolcezza ed il lirismo del giorno più bello.

La purezza di pizzi pregiati impreziosisce ogni singolo modello, completamente oppure nei curatissimi dettagli che caratterizzano corpetti deliziosi e gonne seducenti.

I primi si dilettano con delicati avvalli dalle raffinate scollature a cuore, sia senza spalline sia introducendo eleganti mezze maniche e tentatrici trasparenze ad hoc.

Le gonne hanno una preferenza per il volume vaporoso e leggiadro, tipico degli abiti da principessa, mentre, nel caso di A-line, lo strascico si rivela un’appendice armoniosa di tutto il modello; infine, nel taglio a sirena, la sensuale carezza delle linee trova corrispondenza in una sontuosa apertura finale.

Gli abiti da sposa in questione sono quasi l’emblema di una sposa femminile e romantica per eccellenza, i cui languidi requisiti, poi, si corrispondono nella scelta delle nuances.

Non solo totally white, ma la poetica parvenza di sfumature di rosa rende ancor di più il romanticismo dell’intera collezione: il candore del bianco si spezza in soavi tonalità rosate, sia in accezione bicolor (con corpetto chiaro ed ampia gonna della suddetta tinta pastello) sia come aliti eburnei che vanno a sottolineare i fastosi dettagli ed i delicati ricami, che si contrappongono alla distesa di tessuto incantevole come l’aurora.

E, per completare questo quadro di bellezza e passione, gli accessori non sono da meno, soprattutto le cinture a fiocco, con quell’aura così principesca da giocare sia col ton sur ton sia con il contrasto di cromie.

For You 2015 by Aimée è un delicato e tenero bocciolo di rosa, perfetto per la sposa romantica e decisa ad essere la regina di stile e poesia del suo giorno più bello.

La “corta” tendenza degli abiti da sposa 2015

Quando si pensa ad un abito da sposa corto lo si riconduce ad un’idea wedding fresca e sbarazzina, pronta a conquistare una nicchia di mercato ben definita e gustosamente attratta da queste creazioni.

Insomma, talvolta viene erroneamente percepito come l’esatta antitesi dell’outfit nuziale per eccellenza: candido modello in lungo, con una decisa propensione alla voluminosa ampiezza, tipica di un vestito da principessa.

Per fortuna, lo stesso settore wedding ha riscontrato una diversa predisposizione a queste impressioni, osservando la continua crescita dell’intrigante fascinazione all’abito da sposa corto (gran parte del successo, a buon rendere, sta nel connubio tra moderno e classico insito in esso…).

Ecco, allora, che il 2015 propone diversi modelli dal mood sicuramente glamour, ma con una marcia di classe in più: per esempio, è il caso dell’abito da sposa Cayrol realizzato da Pronuptia.

Chi ha detto che una silhouette corta non possa essere molto più che perfetta per matrimoni formali? Infatti, Cayrol si rifà alla distinta eleganza di quell’icona di stile qual era Jackie Kennedy: completamente in prezioso mikado di seta, si caratterizza per un’accattivante lunghezza sopra il ginocchio, le raffinate maniche a tre quarti ed un delizioso scollo a barchetta, in cui scintilla il tocco chic di strass e perle.

Il 2015, comunque, delinea ancora un tenero lirismo di questi abiti da sposa corti: resta, appunto, una certa predilizione per la scollatura a cuore e, con un salto nel mondo vintage, di una gonna ampia ed a ruota.

Ma sono soprattutto le eccezioni che stanno convincendo una sempre maggiore fetta di ammiratrici: l’anno venturo, in effetti, si diletta moltissimo con le asimmetrie, dove si ha un davanti corto ed un dietro lungo a mo’ di romantico strascico.

Ad esempio, è il caso di Delsa Couture, con un dolce modello total white di pizzo ricamato, dal corpetto luccicante di cristalli e dalla gonna in tulle, vaporosa come il tutu di una ballerina e sottolineata da questo eccitante gioco di lunghezze.

Lo stesso dicasi per l’abito da sposa Austria di Emé di Emé, giovane marchio spumeggiante di Atelier Aimée: qui la gonna asimmetrica è un poetico tripudio di balze e sovrapposizioni, tanto da assomigliare alla delicata corolla di un fiore.

Interessante novità nel campo “corto” degli abiti da sposa, ancora, si conferma la tendenza alla “separazione”: brutto gioco di parole, discorrendo di nozze, ma, in questo caso, lo si può definire di indiscutibile utilità.

Si è indecise su quale modello corto indossare? La possibilità di separare la gonna dalla sopraogonna o viceversa gioca a proprio favore, avendo la possibilità di sfoggiare prima un abito da sposa più classico e poi un minidress seducente, ideale per scatenersi al ricevimento successivo alla cerimonia.

Ad esempio, è il caso del modello Melle De Volute di Pronuptia: si tratta di un romantico abito da sposa in due pezzi, dal corto asimmetrico si toglie la sopragonna in tulle e si ottiene un grazioso minidress in pizzo, dallo scollo a cuore senza spalline.

Abiti da sposa 2015 in corto? Per l’anno prossimo resta solo l’imbarazzo della scelta verso cui orientare la decisione per il proprio giorno più bello.

Gli abiti da sposa in bianco e nero nella collezione 2015 Atelier Aimée

Bianco e nero, black and white: una scelta azzardata per l’abito da sposa?

Sicuramente si sforano i canoni classici, ma se le creazioni nuziali bicolor sono firmati Atelier Aimée 2015, uno splendido risultato elegante e romantico è assicurato.

Infatti, si contemplano con ammirazione raffinati modelli da principessa, ampi ball gown dalla scollatura a cuore od a fascia e dagli originali particolari curati fin nelle più minime lavorazioni.

Ciò che balza all’occhio è, appunto, l’uso che viene fatto delle due tinte: il nero, in effetti, può essere la nuance cardine, ma i leggiadri dettagli in bianco sono ideali per caratterizzare le balze di una gonna vaporosa, come per l’abito da sposa Gemma.

Oppure far sì che un ricamo sovrapposto in black crei un’armoniosa fantasia per tutta la lunghezza del bianco capo nuziale, lasciando un intrigante fascia chiara per contrasto, lungo il bordo inferiore; non può mancare una cintura, con fiocco sul retro e totally black, a completare l’accattivante abito da sposa Gavina.

Ancora, si può giocare con un bilanciamento ottico delle due contrapposte nuances, dando vita ad una fantasia a righe moderna e glam, risaltante anche dall’impiego di un autentico taglioasimmetrico; il tocco di romanticismo, poi, si conferma nelle applicazioni floreali e nella voluminosa sottogonna, entrambe in nero.

Tirando le somme, il black and white, a priori, può creare qualche perplessità, ma saranno pronte a scomparire dopo solo un’occhiata a questi abiti da sposa firmati Atelier Aimée 2015.

Richiedi appuntamento